DECODIFICA BIOLOGICA DI BRUXISMO

Di Jesús Casla
Terapeuta Decodifica – Biologica,
BioNeuroEmozione,
e Ipnosi Clinica Riparatrice
www.dbr-casla.com

Il bruxismo ( il βρύκειν greco) è l’abitudine involontaria di stringere o digrignare i denti. Si stima che colpisca indistintamente uomini e donne, adulti e bambini, e spesso causa mal di testa e dolore al collo, orecchie e muscoli della mascella.
Tra l’altro, si distinguono vari tipi di bruxismo. Innanzitutto, il centrale o serraggio, causando danni al collo dei denti, soprattutto ai premolari. Tale bruxismo spesso è accompagnato da cefalea di tipo tensivo. Quando domina lo sfregamento e non lo stringere dei denti abbiamo il bruxismo eccentrico che danneggia il bordo incisale e occlusale dei denti. Questo movimento di sfregamento dentale colpisce soprattutto gli incisivi. Il premere e lo sfregamento possono verificarsi contemporaneamente sulla stessa persona .
Se analizziamo il momento nel quale si verifica, vediamo un bruxismo durante il sonno o della notte. Di solito la persona è a conoscenza del problema; È il dentista che percepisce il problema controllando la marcata distruzione di smalto e dentina. Esiste, poi, anche il bruxismo in stato di veglia o diurno. Questo avviene generalmente in modo incosciente ed è collegato a momenti significativi di stress.

bruxismo-decodifica-biologica

Bruxismo; una aggressività non manifesta, non esplicita, e spesso inconsapevole

Nella prima fase (Grado I), bruxismo può verificarsi occasionalmente e poco aggressiva. Tuttavia, quando diventa un’abitudine già stabilita (Grado II) è perché l’ansia ha già fatto la sua comparsa. Qui ci sono evidenti lesioni e strutture dentro facciali. Quando l’abitudine non è stata corretta nelle fasi precedenti, si possono trovare i casi di grado III, con bruxismo già diventato irresistibile se la persona interessata se ne renda conto. A questo stadio le lesioni strutture dento facciali sono considerevoli. Nella fase iniziale, il contatto dentale senza forza o la contrazione può essere una sorta di gioco o intrattenimento; ma in una situazione di stress, la pressione è aumentata senza che la persona se ne renda conto e i muscoli coinvolti ormai non si rilassano. E ‘chiaro, quindi, che nel bruxismo, nel suo insorgere, è un’abitudine inconscia fino a quando un membro della famiglia lo fa notare o il dentista osserva una eccessiva ed anormale usura dei denti.
Al di là delle manifestazioni fisiche che coinvolgono bruxismo, ciò che ci interessa dalla BioNeuroEmoción – BioNeuroEmozione, è il suo senso biologico, il “perché” del bruxismo, perché esprime una aggressività non manifesta, non esplicita, e spesso inconsapevole. Aggressività potenziale allo stato latente. Bruxismo può esprimere una sentimento di incapacità a difendersi, di esprimere le proprie idee. Appare di solito in persone che hanno difficoltà nel prendere decisioni e assimilare a situazioni e nuove idee. In generale, i problemi dentali, come bruxismo, sono l’espressione biologica di conflitti per il processo decisionale. C’è un ritardo, un ritardo nell’adozione di misure per paura delle conseguenze che possono comportare sviluppi. In altre parole, temono per la loro sicurezza che si fruisce nel presente.
La Sindrome Phantom o Yaciente e Bruxismo
L’esperienza clinica suggerisce che ci sia una forte componente transgenerazionale bruxismo, in particolare la sindrome correlata o Yaciente Santo.
Trasmissione transgenerazionale mostra come traumi, segreti e “non detti” della famiglia allargata sono passati di generazione in generazione lealtà invisibili incoscienti attraverso la ripetizione, l’identificazione e la delega essenzialmente tra i membri dell’albero genealogico.
Sindrome Phantom o Yaciente deriva da un evento traumatico familiare come la morte improvvisa o senza motivo di un appartenente alla famiglia (suicidi, morti di bimbi, morti assassinati…) La natura del trauma fa si che il clan familiare neghi e offuschi l’avvenimento, trasformandolo in un segreto, un qualcosa del quale non si può più parlare né fuori né dentro la famiglia.
Con questo dolore in attesa, la famiglia allargata, per sopravvivere e andare avanti, trasmette il trauma non digerito come programma inconscio a un bambino nascente all’interno del clan dopo l’evento traumatico. Quel bambino, in termini transgenerazionali, prenderà il fantasma dell’antenato morto traumaticamente e riceverà il mandato di guarire il trauma per liberare il clan.
Per identificare il Yaciente dobbiamo guardare alle date già che la morte degli antenati deve essere lo stessa o essere vicina alla data del concepimento di Yaciente; ma la data della morte sempre sarà prima del concepimento del Yaciente. In generale, il Yaciente si troverà di solito nella 3ª e 4ª generazione, come dire; sarà sicuramente un nipote o pronipote del defunto antenati traumaticamente.
Così il discendente (Yaciente) riceve tutto il patrimonio emotivo dell’ antenato, ovviamente legato al trauma e dolore taciuto, di prendersi cura della riparazione (guarire) di tale “non detto” familiare. Il clan cerca, quindi, di trovare la redenzione nella prole (Yaciente). Nel frattempo, il destinatario ignaro del mandato trans generazionale vive questo compito come un carico incosciente che attanaglia,modella e condiziona. Sente internamente il desiderio di esprimere qualcosa, senza però sapere cosa con esattezza.
Le caratteristiche più importanti per identificare un Yaciente, o la persona che incarna la sindrome fantasma sono tristezza e, soprattutto, la negazione del piacere. Sono tendenze e come tali sono da intendersi; ma, in realtà, la tristezza e la negazione del diritto di manifestare piacere nella maggior parte dei casi. E molto spesso, la negazione del piacere in Yaciente è associata a malattie come l’artrite, il morbo di Parkinson, l’obesità, bronchite, asma, sclerosi multipla e bruxismo.
In breve, sia di origine transgenerazionale o sindrome fantasma Yaciente -la maggior parte dei casi- o no, il bruxismo mette sempre in mostra rabbia repressa a stento, aggressività latente e la negazione del piacere (reale o simbolico). Il nostro inconscio è molto intelligente e, per permetterci di continuare con la nostra vita quotidiana, di solito ritarda la manifestazione di quella rabbia e aggressività a la notte affinchè possiamo liberare in parte le tensioni accumulate durante la veglia. Ma questa “soluzione” che porta il bruxismo è solo temporanea e alla fine porta a altri mali associati come mal di testa, dolore al collo e l’usura dei denti.
Nella terapia BioNeuroEmoción – BioNeuroEmozione procediamo a fare una decodifica biologica del bruxismo per rilevare la storia nascosta che è all’origine. Così, la persona interessata rende conscio l’inconscio; prendere coscienza del “perché” del sintomo. Da quel punto, si può e si deve intervenire per apportare le modifiche necessarie nella vostra vita per raggiungere la coerenza emozionale, stato essenziale per ottenere la guarigione e il rafforzamento. Se, come spesso l’origine è transgenerazionale, la persona dovrà realizzare il dolore messo da parte per diverse generazioni. Con questo atto simbolico, il Yaciente cesserà di esserelo, si libererà dal mandato transgenerazionale incosciente di portare il programma dell’ antenato, di ripetere la sua storia e vicissitudini, e libererà anche da questo pesante fardello le future generazioni del clan.