PROGETTO SENSO (articolo estesa di menu Consulto)

Con il’Progetto Senso’ si prende in considerazione il vissuto dei genitori -principalmente dalla madre- a partire dai nove mesi prima del concepimento: sarà questo a segnare profondamente la vita del futuro figlio, ne definira’ i tratti della personalità, la forma d’essere i suoi atteggiamenti verso la vita e anche la ripetizione e riparazioni dei programmi inconsci disfunzionali ereditati dal clan. I progetti che a livello sottile esistevano già nella mente conscia o inconscia dei genitori già da prima del concepimento, il “ruolo” assegnato dal clan a questo figlio, il desiderio che fosse maschio o femmina, le circostanze ‘pratiche’ in cui vissero i genitori durante la gravidanza, il tipo di parto e tutto ciò che accadde nei primi anni di vita del bimbo (durante i quali la connessione emotiva – psicologica con i genitori è totale), influenzano profondamente la vita di ogni essere umano.

Nella seduta specifica sul Progetto Senso prestiamo attenzione a tutti i dettagli che il consultante può presentarci. Ogni informazione è importante: per esempio le malattie che la madre ha passato durante la gravidanza danno informazioni molto rilevanti sulla reale situazione vissuta durante questo periodo, sofferenze sconosciute alla coscienza del figlio e che la madre ha per prima sotterrato nel proprio inconscio. Tutte le patologie (contrazioni uterine, ipertensione gestazionale, colestasi gravidica, anemia, decalcificazione ossea, edema, perdita di liquido amniotico, gravidanza gemellare, iperemesi gravidica, tossiemia ecc…) permetteranno di rivivere dal punto di vista della madre, le circostanze in cui ebbe luogo la gravidanza: cosa lei sentiva, cosa desiderava, cos’era ciò che non si permetteva di esprimere.

proyecto-sentido-asesoria-icono

I tipi di parto (pelvico, trasversale, prematuro, rapido, prolungato, indotto, con forcipe, cesareo, distaccamento anticipato o ritardato della placenta, itterizia ec..) forniscono informazioni sulla madre ma soprattutto sul figlio: potrebbero spiegare alcuni degli atteggiamenti o problemi vissuti dal paziente nell’attualità. Per esempio il tipo di ‘presentazione’ nel parto può darci indicazioni sulle caratteristiche di persone iperattive, insicure, paurose, solitarie, poco socievoli, con poca iniziativa, ecc…

I progetti dei genitori nei riguardi di questo figlio ancora non nato sino a circa tre anni d’età, sono decisivi per lo sviluppo della sua vita futura. Si analizzano concetti quali ‘figlio di consolazione’, ’figlio d’appoggio, ’ figlio di sostituzione o spirito’, ‘bastone della vecchiaia’, ‘figlio di riparazione’, ecc..

Possiamo quindi utilizzare le informazioni del Progetto Senso sia per comprendere il conflitto alla base di un eventuale sintomo, e sia per spiegare personalità, attitudini e modi di essere del consultante. Accogliere il Progetto senso permette la presa di coscienza del ‘Perché’ e dà la possibilità di disattivare programmi che inconsciamente ripetiamo e che ci impediscono di vivere in pienezza e coerenza.

La seduta dura circa due ore.